Barbara Guerra
Barbara Guerra, dottore di ricerca in Geografia Economica, appassionata da sempre di cucina d’autore. Ha coniugato i suoi studi e l’amore per l’enogastronomia nell’elaborazione di un modello di sviluppo territoriale ideando e organizzando con Albert Sapere, il congresso LSDM – Le Strade della Mozzarella. Maestra assaggiatrice di formaggi, contributor della Guida Touring Club, non mangia carne; il suo chef del cuore è Gualtiero Marchesi che seguiva da ragazzina in una rubrica televisiva. Ha scelto con convinzione di lavorare al Sud per valorizzare, promuovere e far conoscere le materie prime d’eccellenza del paniere agroalimentare.

Luciano Pignataro
Luciano Pignataro, laureato in filosofia e giornalista professionista, è caposervizio al Mattino di Napoli dove si occupa di gastronomia e scrive la rubrica di vino più antica d’Italia su un quotidiano. Autore di pubblicazioni con Hoepli, Newton Compton, Edizioni dell’Ippogrifo e Rizzoli, collabora dal 1998 alla Guida Ristoranti Espresso e dalla fondazione a Slow Wine. Il suo sito, www.lucianopignataro.it, è tra i più cliccati d’Italia nel settore enogastronomico. Ha seguito il fenomeno della rinascita della pizza sin dall’inizio sul blog e sul Mattino.

Albert Sapere
Albert Sapere, capaccese, sommelier di lungo corso, maestro assaggiatore di formaggi ed assaggiatore d’olio. Ideatore, assieme a Barbara Guerra, del congresso internazionale di cucina d’autore LSDM – Le Strade della Mozzarella, primo ad avere una relazione di un pizzaiolo sul palco. Si occupa di ristorazione, autore per una famosa guida di ristoranti, contributore per la cucina fine dining della testata on line Luciano Pignataro. Ideatore di 50 Top Pizza, è sostenitore del concetto che il movimento della pizza in Italia, nelle sue massime espressioni, sia come l’NBA per il basket. Le pizzerie italiane giocano un vero e proprio campionato del mondo non solo per la bravura dei maestri artigiani ma anche perché l’Italia è il Paese dei prodotti della pizza.

scopri la classifica
freccia_dx
freccia_sx
news

Nell’immediato Dopoguerra, il medico americano Ancel Keys, in visita a Napoli, si stupì che nell’ospedale cittadino non ci fosse il reparto di cardiologia. Il motivo non era la mancanza di fondi ma, più semplicemente, la mancanza di malattie cardiovascolari.

Parte, quindi, un approfondito studio tra Italia, Spagna, Grecia e Marocco, per capirne meglio il motivo.

Keys, che trascorrerà poi buona parte della sua vita a Pioppi, nel Cilento, finisce col teorizzare che l’assenza di problemi cardiovascolari tra le popolazioni mediterranee è dovuta allo stile di vita e all’alimentazione. Nasce, così, la Dieta Mediterranea.

Ancel e Margaret Keys arrivano a rivoluzionare il mondo scientifico e tutte le convinzioni sul cibo grazie alla diffusione di tre pubblicazioni: Eat well and stay well (Mangia bene e stai bene), The Benevolent Bean (Il fagiolo benevolo), How to eat well and stay well. The Mediterranean way (Come mangiare bene e stare bene).

Attualizzare quegli studi, dal punto di vista della cucina, sarà il tema principale delle relazioni dei cuochi alle prossime edizioni di LSDM: Il mondo vegetale, i legumi, l’olio extravergine d’oliva, la pasta secca, i pomodori, la mozzarella di bufala campana, il pescato locale; prodotti distintivi del bacino del Mediterraneo.

Pensiamo, inoltre, che il ruolo del cuoco sia sempre più centrale, come artigiano di gioia e pedagogo dei propri clienti. A partire dal ‘900, secolo di grandi scoperte per il genere umano, il cibo viene vissuto come affermazione sociale e non solo come bisogno primario per sfamarsi, tanto da essere preso in considerazione anche nel campo letterario. Basti pensare all’Ulisse di James Joyce, pietra miliare nella genesi del romanzo moderno, in cui è illustrata la passione gastronomica di Leopold Bloom.

Il cuoco di oggi non sfama, ma è il motore di una rinnovata sensibilità alimentare e ambientale; è portatore di conoscenza della materia e innovazione tecnica. Egli ha un valore sociale nuovo, diverso da quello del passato: diventa protagonista nell’attualizzare il modello alimentare, assecondando le esigenze del mondo moderno, senza per questo rinunciare ai piaceri della tavola e della convivialità, alla base della nostra cultura alimentare.

In questi ultimi 10 anni – dichiarano Barbara Guerra e Albert Sapere, curatori del congresso – Siamo stati fortunati, avendo avuto la possibilità di osservare molto da vicino quella che è la ristorazione d’autore italiana. Una ristorazione che, anche grazie alla mediaticità della figura del cuoco, assume un ruolo sociale diverso. Non è sufficiente, nel mondo moderno, saper fare un buon piatto, corretto tecnicamente e stilisticamente. Sono diventati prioritari anche il benessere a tavola dei propri ospiti, la sostenibilità delle produzioni impiegate nei piatti, la valorizzazione del mondo vegetale, dettare un modello di alimentazione e di conseguenza di ristorazione sostenibile. Per noi sono diventati temi sempre più centrali, senza per questo demonizzare nessun cibo, ma soltanto usando buon senso, nel rispetto del cliente e del mondo che ci circonda.

Per tali motivi, proponiamo un manifesto di 10 punti a cui, secondo noi, il cuoco italiano moderno può ispirarsi per creare la propria proposta:

1. Proporre frutta e verdura, sia nella parte salata che in quella dolce, rispettando la stagionalità degli ingredienti;
2. Preferire l’olio extravergine d’oliva come grasso principale;
3. Non far mancare la pasta secca, segno distintivo dell’italianità nel mondo;
4. Utilizzare sempre di più le proteine vegetali – come i legumi – contribuendo al recupero delle varietà tradizionali presenti largamente in tutta Italia;
5. Preferire i prodotti da agricoltura e allevamenti sostenibili scegliendo tra quelli provenienti da filiera trasparente;
6. Valorizzare i piccoli artigiani locali, avendo però cura di preferire sempre il chilometro buono al chilometro zero;
7. Rispettare la territorialità e le tradizioni gastronomiche locali;
8. Porre attenzione ai disturbi alimentari dei propri ospiti e, in generale, proporre piatti equilibrati dal punto di vista nutrizionale;
9. Usare la tecnologia in cucina, non come fine, ma come strumento per migliorare le tradizioni;
10. Aprirsi al confronto con i colleghi a livello internazionale e favorire le contaminazioni interdisciplinari.

scopri la classifica
freccia_dx
freccia_sx
news
partner