news

Spagna e Portogallo nella bufera, il racconto di due giornalisti.

di Barbara Guerra

Nel corso degli anni sono tante le relazioni amichevoli sviluppatesi con colleghi da tutto il mondo. Osservando che dopo l’Italia, il Paese europeo più coinvolto dall’emergenza Coronavirus fosse la Spagna, abbiamo deciso di sentire due colleghi giornalisti nella penisola iberica. Un modo per osservare con i loro occhi, dopo aver sentito nei giorni scorsi autorevoli chef, quanto sta succedendo nelle loro vite e prima ancora nel mondo della ristorazione. Di seguito le due interviste.

Javier Ureta Ibañez, giornalista spagnolo esperto di gastronomia

Com’è la situazione in Spagna attualmente?

“La Spagna sta vivendo forti restrizioni alla mobilità. Siamo chiusi a casa e possiamo lasciare le nostre case per poche eccezioni: andare a mangiare, lavorare (solo se il tuo lavoro è considerato “essenziale”), portare il cane a fare una breve passeggiata o emergenze. All’inizio, specialmente nelle prime 24 ore, le persone non hanno preso molto sul serio l’imposizione di restare in casa. Ma ora le cose sono cambiate. È impressionante vedere una grande capitale europea come Madrid – sempre affollata, sempre rumorosa, sempre turistica – completamente vuota. Vivendo nel centro della città, nel cosiddetto quartiere “alla moda” di Malasaña. Sempre pieno di ristoranti, bar, pub, club, musei, luoghi culturali, e con folla praticamente 24 ore su 24, 7 giorni su 7. È strano e un po’ angosciante vedere in queste settimane le strade vuote. Puoi sentire suoni che non hai mai notato prima, come uccelli, vento, pioggia…
Questi sono solo i nostri primi 15 giorni di quarantena, quindi la maggior parte delle persone sta ancora bene. Vediamo cosa succede quando saranno trascorsi 30 giorni in questa situazione, ma in questo momento le persone trascorrono il loro tempo a incontrare i loro amici e familiari via Skype, giocare a giochi da tavolo, videogiochi. Come società abbiamo sviluppato una buona abitudine: ogni giorno alle 20:00 usciamo dai nostri balconi e applaudiamo ai dottori, alle infermiere e a tutti i soggetti coinvolti al fine di riconoscere i loro sforzi e sacrifici. E’ emerso anche un sentimento comunitario. Le persone giocano a giochi come il bingo da un edificio all’altro, i giovani si offrono di comprare cibo per le persone anziane, le persone suonano l’inno della crisi “Resistiré” dai loro balconi (una sorta di spagnolo “I will survive”). Alcune persone non sono contente di come il governo sta gestendo la situazione (pensano che avrebbero dovuto prendere delle misure prima, quando stavamo vedendo come le cose si stavano sviluppando in Italia), ma in Spagna è impossibile che tutti siano contenti del governo. La maggior parte delle persone lavora da casa, questo è l’unico modo per far muovere l’economia spagnola, diamo per scontato che sta arrivando un’enorme crisi economica”.

Cosa immagini per il futuro?

“Il futuro sarà duro. A breve termine, non credo che usciremo di casa prima del 1 ° maggio. Penso che arriveremo a circa 6.000 morti. Ma a medio termine, mi aspetto che una grave crisi economica colpisca di nuovo il nostro paese. Due dei settori più colpiti da questa crisi sono il turismo e i consumi, che sono i due settori che contribuiscono maggiormente al PIL spagnolo. Il turismo, ad esempio, è il 16,4% del PIL spagnolo. E quest’anno ci si aspetta che sia un disastro in quest’area: le Fallas di Valencia vengono cancellate, la Feria de Sevilla viene cancellata, il turismo è ovviamente fermo a tutti i livelli.
Molte aziende licenziano temporaneamente i loro dipendenti in quanto non possono pagarli durante questo periodo in cui tutta la produzione viene interrotta. Immagino che la disoccupazione crescerà non solo in questi mesi, ma anche nei mesi successivi a questa crisi. La Spagna attraverserà di nuovo momenti difficili”.

Come trascorri questo imprevisto tempo libero?

“Beh, ad essere sincero, normalmente ho una vita frenetica in cui esco di casa alle 7 e torno alle 23.00. Di solito non ho abbastanza tempo per passarne di qualità a casa con la mia compagna o di trascorrerlo con la famiglia e amici, quindi in questi giorni sto recuperando il tempo perso con attività familiari.

Soprattutto, ora che ho tempo, mi sto godendo molto il mio hobby principale. Di solito posso solo cucinare nel fine settimana, ma in questo momento lo sto facendo tutti i giorni e mi sto decisamente divertendo. Ora mi concentro su un vecchio libro di ricette classiche spagnole: un buon salmorejo, cocido madrileño, caparrones, pochas, patatas a la riojana, bacalao al pil pil, fideua, paella … ma ovviamente ho tempo per nuovi esperimenti, ad esempio un (brutto) tentativo di pizza napoletana. In questo momento dobbiamo guardare le cose in modo positivo e avere tempo per cucinare è sicuramente l’aspetto migliore della quarantena”.

Diogo Lopes, giornalista gastronomico del Observador, Portogallo

Come stai vivendo la tua quarantena?

“Lavoro da casa da oltre due settimane e seguo le direttive. Ho lunghe giornate di lavoro perché praticamente tutte le testate con cui collaboro stanno sviluppando approfondimenti su questioni legate al coronavirus. Mi sono sempre occupato con grande passione di cibo ma adesso scrivo di tutto, dalla politica alla salute. Per me questo non è un problema perché sento che come giornalista ho il dovere di informare, soprattutto, e in questa situazione disperata, assicurarsi che tutti siano informati è ancora più importante. In un certo senso è come una missione. Nel frattempo, ogni volta che posso, cerco di aiutare la comunità portoghese di ristoratori che sta subendo gravi danni. Avevamo appena iniziato a uscire da una profonda crisi e ora un altro colpo durissimo. Ho fatto alcuni piani su alternative da asporto, sull’acquisto di locali… cerco di fare il meglio che posso ma sembra sempre che non sia abbastanza. E non posso fare a meno di pensare che se mi sento in questo modo, non riesco a immaginare come stanno i medici e gli infermieri. I miei pensieri e le mie preghiere sono per loro, con cui avremo sempre un debito di riconoscenza”.

Cosa immagini per il futuro?

“Il futuro, per me, è agrodolce. Da un lato, sono al settimo cielo perché tra un mese nascerà mio figlio. Avere un bambino in questo momento è complicato, ci sono molte restrizioni, ma sapere che lavorerò da casa e per questo trascorrerò più tempo con lui mi rende felice. In senso lato, sono preoccupato per ciò che deve ancora venire. In Portogallo il numero di casi e decessi non è aumentato troppo ma è probabile che lo farà nel corso di questo mese. Sono preoccupato per mia moglie, mio figlio, i miei genitori, i miei nonni e spero che possiamo superarlo nel miglior modo possibile. In senso economico, penso che molte aziende chiuderanno, molti dei quali ristoranti, negozi di alimentari, caffè, ecc. Molte persone perderanno il lavoro e ciò avrà conseguenze drammatiche. In questo momento il nostro governo è ancora molto conservatore nei tipi di supporto che prevede di offrire alle piccole imprese: esistono linee di credito, ma i requisiti necessari per poterle utilizzare sono complicati e non molto chiari. Anche se sei in grado di accedervi, probabilmente non si potranno sostenere a lungo termine. Ad ogni modo, sono sicuro che queste misure saranno semplificate prossimamente altrimenti la nostra economia collasserà. Soprattutto perché l’economia del Portogallo è molto dipendente dal turismo e dall’ospitalità. Penso anche che quando tutto questo si calmerà ci vorrà del tempo perché le persone: 1) abbiano abbastanza soldi per uscire per mangiare o viaggiare 2) sentirsi al sicuro quando si viaggia e si va a mangiare fuori. Nonostante ciò, resisteremo, combatteremo e faremo del nostro meglio per farcela. Da poco ci stavamo abituando a un Portogallo florido sulla scena gastronomica internazionale ed è un peccato che tutto ciò sia accaduto in questo periodo. Tuttavia dobbiamo essere fiduciosi”.

Come trascorri il tuo tempo?

“Il lavoro occupa la maggior parte del mio tempo. Questa pandemia ci sta facendo lavorare anche più di quanto non facessimo solo per cercare di tenere il passo con tutto ciò che sta accadendo in questo momento. Il resto del tempo lo dedico, insieme a mia moglie, per quanto riguarda l’attesa di nostro figlio. Almeno un po’ di gioia in questo momento così triste.
Cerco di recuperare un po’ di film e documentari che non avevo avuto il tempo di vedere, sto anche leggendo molti libri di ricette. Cucinare mi rilassa e ho cercato di farlo spesso come posso (mentre scrivo queste parole ho appena finito di cenare, un tipico portoghese “Arroz de Polvo”, una sorta di risotto al polpo). La musica è una costante. Anche pulire la casa. Abbiamo tre gatti, giochiamo con loro ed è anche un modo adorabile di trascorrere del tempo.
Comunque cucinare a casa è un’attività che adoro. Ho cercato di far rivivere alcuni dei miei libri di cucina preferiti e di realizzare tante ricette. Per lo più cerco di fare piatti tipici portoghesi – come l’Arroz de Polvo – ma finisco anche per provare a fare cose che di solito non ho troppo tempo come piatti ricchi o piatti da forno lunghi, a bassa temperatura. Cerco di perfezionare alcune nozioni di base come fare la migliore besciamella che posso (da zero, ovviamente) o perfezionare un buon brodo di carne, ad esempio. Andiamo a fare la spesa il meno possibile (una volta alla settimana) e così facendo devi essere più organizzato con la lista della spesa, magari scegliendo le ricette per quella settimana prima di andare, per esempio. E’ importante anche imparare a non comprare troppo. Stiamo mangiando molte più verdure, curiosamente, ed è stato divertente trovare modi interessanti e gustosi per prepararle. È come se ogni giorno ci fosse una sorta di “mistery box” da cui partire per preparare il pranzo”.

Immagine in evidenza: Diogo Lopes

partner
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: