freccia_sx torna indietro

18° award 2020

nella categoria: Ristoranti oltre 120€

Villa Crespi


Una grande villa, imponente ed elegante, circondata da un ampio e lussureggiante parco, svetta su una delle sponde del lago d’Orta. Si ha l’impressione di arrivare in un castello delle fiabe tanto se ad accogliervi sarà il sottile velo di nebbia autunnale, tanto se sarà il cielo terso della primavera. E’ una fiaba che si declina sempre romantica, assecondando le stagioni e i colori del lago e della natura. Continua a tavola una volta attraversato l’incantato ingresso finemente decorato e a quel punto tutti i segreti del maniero dello chef Antonino Cannavacciuolo saranno svelati. La popolarità televisiva che ha raggiunto è pari alla qualità della sua proposta. Una cucina che fa sognare per ingredienti ricercati, abbinamenti e estetica delle preparazioni.
L’anima partenopea dello chef è spesso presente in una carta ampia che prevede anche due proposte di degustazione. Percorsi che consentono di assaporare sia alcuni dei più riusciti piatti storici che qualche recente creazione. Non si può arrivare qui e non trovare il piccione con fegato grasso al grué di cacao e salsa al Banyuls. Una vera golosità per gli amanti del volatile. Anche la triglia melanzana e provola affumicata è assolutamente da provare, raccoglie infatti da anni continui estimatori. Due piatti simbolo non a caso diversi tra loro perché la mano in cucina si muove sicura sul fronte delle carni come su quello del pesce. Gioca tra tecnica classica d’ispirazione francese e contrappunti contemporanei sottolineati dai profumi del mediterraneo.
Pulizia di esecuzione, gusto sempre appagante e ricerca delle note fresche caratterizzano lo stile di questa cucina. Consigliamo di conservarsi lo spazio per gustare uno dei buonissimi dessert che qui sono golosi, non scontati e dalle presentazioni esteticamente notevoli come il falso uovo o la sfera di bonet. Oppure affrontare un piatto di formaggi servito al tavolo da un carrello che ha poghi eguali in Italia.
Un luogo da considerare per le occasioni speciali, quando il desiderio di sentirsi coccolato è alto. La sala, infatti, efficiente e calorosa allo stesso tempo sarà sicuramente in grado di offrire un’esperienza più che adeguata al luogo e alla cucina. Si naviga in una possente carta di vini e distillati in cui non manca il meglio d’Italia e d’oltralpe.




A large, imposing and elegant villa is surrounded by an ample and luxurious park, and stands on one of the banks of the Orta Lake. You have the impression of being at a fairy tale castle. You will be welcomed by a thin veil of autumn fog, or a bright springtime sky. It is a fairy tale that becomes ever more romantic, as it follows the seasons and the colors of the lake and nature. Once through the enchanting, finely-decorated entrance the story continues, and at that point all of the secrets of chef Antonino Cannavacciuolo are revealed. The television popularity that he has achieved is equal to the quality of his proposals. It is a dreamy cuisine made of prestigious sourced ingredients, flavor combinations and beautiful aesthetic presentations. The chef’s Neapolitan soul is often present in the extensive menu which includes two tasting sequences. They are menus that allow you to taste both some of his trademark dishes and more recent creations. You cannot come here and not try the guineafowl with fat liver with cocoa gruè and Banylus sauce. It is a true delicacy for poultry lovers. Also, the eggplant mullet and smoked provola is absolutely a must. It in fact has been attracting connoisseurs for years now. They are two classic dishes that are deliberately diverse from one another because the expert hands in the kitchen are adept both at meat and seafood. The cooking is a mixture of classic technique with a French inspiration and contemporary counterpoints highlighted by Mediterranean fragrances. Clean executions, gratifying flavors, and fresh notes characterize the style of this kitchen. We recommend saving room to try one of the delicious desserts that are decadent, never mundane and have lovely aesthetic presentations, such as the false egg or the sphere of bonet. Otherwise choose a dish of cheeses served at the table from a cart that has few equals in Italy. It is a place to consider for special occasions, when you really want to be spoiled. The dining room, in fact, is warm and efficient at the same time, and will certainly be able to offer an experience that is on par with the location and the cuisine. There is an imposing wine and distilled spirits list which includes some of the best labels in Italy and beyond.
chef
chef: Antonino Cannavacciuolo
localizzatore
location: Italia
Orta San Giulio - Via Giuseppe Fava, 18, Orta San Giulio, NO, Italia
Orologio
apertura: dal mer. alla dom. pranzo e cena; mar. a cena

giorno di chiusura: lunedì
Telefono
telefono: 0322911902
birra
da provare assolutamente: triglia melanzana e provola affumicata oppure piccione con fegato grasso al grué di cacao e salsa al Banyuls
Risorsa 16
Menu: link
Risorsa 16
Menu degustazione:
riservato
prenotare: clicca qui
serv_aggiuntivi
parcheggio
banconota
pagamenti accettati
partner