Drink Pink: grande festa on line per il Rosè, ultima bollicina nata in casa Prosecco.



 

di Laura Guerra

Elegante, perlage fine e persistente, profumato di fiori bianchi, mela e agrumi con sentori di fragola e lampone; il gusto è rotondo, morbido e strutturato. Colore? Rosa!

Of course, perché parliamo del Prosecco Rosé, ultimo nato nella produzione del Consorzio di Tutela del Prosecco doc accompagnato dall’invito Drink Pink, osa il Rosa.

La nuova bollicina, tenuta a battesimo durante una diretta facebook dal palco del teatro Dal Monaco di Treviso, cui sono intervenuti addetti ai lavori di calibro internazionale, è il frutto dei vinificatori che lavorano sul territorio fra Veneto e Friuli-Venezia Giulia vocato alla produzione.

In apertura il Presidente Stefano Zanette ha tracciato un excursus storico di questa grande denominazione e ha illustrato le azioni di programmazione dell’offerta, l’obbligo del contrassegno, le attività di promozione e quelle legate alla tutela e salvaguardia dell’ambiente.

Il direttore Luca Giavi ha sottolineato: “La nostra presenza in questo teatro esprime la nostra vicinanza al territorio al quale apparteniamo e al quale dobbiamo tanto. Il nostro obiettivo, ora, è quello di intensificare le operazioni di valorizzazione delle peculiarità delle diverse aree della nostra denominazione, a cominciare dalla provincia di Trieste dove la denominazione Prosecco trova le sue radici”.

Andrea Battistella, enologo e vice direttore del Consorzio ha guidato la degustazione: dalla corretta apertura della bottiglia, passando per l’analisi del colore, che ricorda il bocciolo di rosa e i fiori di ciliegio e degli aspetti sensoriali, suggerendo agli ospiti collegati on line di “cercare con il naso le delicate note di fragola e lampone e con il palato la cremosità delle bollicine insieme a raffinatezza ed eleganza delle sensazioni gustative garantite da una permanenza sui lieviti”.

Hanno animato la bella festa on line, chef, food influencer, come Giulia Gaudino o la scrittrice giapponese Mari Yamazaki.

Lo chef Carlo Cracco ha preparato un’insalata di lamelle di cachi pensata per essere abbinata al Prosecco Doc Rosé. Dagli Stati Uniti si è collegata Lidia Bastianich che ha raccontato della grande attesa verso le nuove bollicine pink.

Brindisi virtuale anche per Alessandro Scorsone, sommelier di lunga e qualificata esperienza che ha descritto il sorso “effervescente, piacevole, carezzevole, mai aggressivo, con una vivace acidità che dà freschezza. Il gusto è intenso e sapido, la struttura morbida e raffinata grazie al lungo affinamento sui lieviti”.

Grande festa in tutte le Case Prosecco che promuovono questo prodotto simbolo dell’Italia in tutto il mondo.

Partner

50 Top Social

50 Top World

%d